Pubblicato il: 10 Nov 2020

Consigli sulla gestione della dermatite atopica nei bambini

La dermatite atopica del bambino può essere difficile da trattare e diventare frustrante sia per i pazienti affetti che per i loro genitori e i medici che se ne occupano. 

Nonostante la patogenesi della malattia sia piuttosto complessa, evidenze recenti supportano il ruolo dell’alterazione della barriera cutanea nello sviluppo della malattia: la prima linea di trattamento dovrebbe quindi focalizzarsi sulla cura quotidiana della pelle, che comprende idratazione tramite bagni e applicazione di emollienti e il fatto di evitare sostanze irritanti o triggers. Nel caso di malattia attiva, gli steroidi topici a potenza bassa-moderata rappresentano un approccio sicuro ed efficace in questa popolazione, se utilizzati in maniera appropriata.

Nel caso di malattia persistente, refrattaria o generalizzata, se è necessaria una terapia sistemica immunosoppressiva, se si manifestano infezioni virali o batteriche ricorrenti o se c’è un sospetto di dermatite allergica da contatto, si consiglia il riferimento a un dermatologo specializzato.

Infine, alcuni aspetti cruciali per una corretta gestione della AD da parte del pediatra di base sono la diagnosi precoce, il trattamento precoce delle complicanze infettive e la formazione di familiari e pazienti in merito a patogenesi, trattamenti specifici e prognosi. L’articolo fornisce anche un piano d’azione che il medico può condividere con i genitori, con indicazioni specifiche sulla gestione della malattia.


Fonte: Tollefson MM, Bruckner AL; Section On Dermatology. Atopic dermatitis: skin-directed management. Pediatrics. 2014;134(6):e1735-e1744. doi:10.1542/peds.2014-2812 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *