Pubblicato il: 8 Gen 2021

Isoconazolo e diflucortolone per il trattamento della cheilite angolare

La cheilite angolare è un disturbo caratterizzato da eritema, ragadi, ulcerazione e comparsa di croste sulle labbra e nell’area perilabiale, associato a sensazioni di dolore e disagio fisico.

Nonostante sia piuttosto comune, soprattutto tra gli anziani, le evidenze disponibili in letteratura sul trattamento di questa patologia sono piuttosto limitate e consistono in due studi clinici randomizzati sull’utilizzo degli antifungini, e in una serie di case report o studi in aperto su terapie topiche, tecniche di ripristino della dimensione verticale occlusale, integratori di vitamina B, utilizzo di protesi e terapia fotodinamica.In mancanza di forti evidenze di letteratura, un gruppo di medici della CIR Dental School di Torino e dell’Università di Milano suggeriscono, sulla base di un’esperienza decennale, che la combinazione di isoconazolo nitrato (ISN) all’1% e diflucortolone valerato allo 0,1% sia un trattamento efficace e rapidocontro la cheilite angolare. Questo approccio sembra dare buoni risultati grazie all’ampiospettro di attività dell’ISN, che è attivo contro diverse specie di dermatofiti e batteri, combinato alle proprietàanti-infiammatorie del diflucortolone che riduce l’infiammazione, il prurito e l’eritema e, grazie all’effetto vasocostrittore, aumenta la concentrazione di ISN al sito della lesione.


Fonte : Cabras M, Gambino A, Broccoletti R, et al. Treatment of angular cheilitis: A narrative review and authors’ clinical experience. Oral Dis. 2019 Aug 29. doi: 10.1111/odi.13183. [Epub ahead of print] 


Lascia un commento