Pubblicato il: 11 Dic 2020

Terapie di combinazione per la cheratosi attinica: di più è meglio?

Secondo una recente revisione della letteratura le terapie di combinazione più studiate (ma non per questo le più efficaci) per la cheratosi attinica sono quelle che associano la terapia fotodinamica a trattamenti chirurgici, laser, micro-needling o terapie topiche. Sia gli studi individuali che le meta analisi pubblicate suggeriscono che queste combinazioni permettano di ottenere risultati di efficacia leggermente superiori alla monoterapia, senza la comparsa di particolari problemi di tollerabilità. La combinazione di strategie dirette alla lesione con quelle dirette al campo di cancerizzazione sembra essere particolarmente efficace per le AK ipercheratosiche, dato che migliora la capacità di penetrazione dei farmaci topici.

Gli autori della revisione ritengono tuttavia che i risultati ottenuti dalle terapie di combinazione siano nel complesso piuttosto limitati, soprattutto considerando i buoni risultati di efficacia e risoluzione completa delle lesioni ottenibili con le monoterapie. La combinazione terapeutica dovrebbe quindi essere valutata caso per caso, evitando il consumo inutile di risorse sanitarie e il rischio di sovratrattamento dei pazienti.


Fonte: Steeb T, Wessely A, Leiter U, et al. The more the better? An appraisal of combination therapies for actinic keratosis. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2019 Oct 6. doi: 10.1111/jdv.15998. [Epub ahead of print] 


Lascia un commento