hai selezionato l'area terapeutica

Infettivologia

Clinical Network 2 Dic 2020

Trasmissione aerea di SARS-CoV-2 non tutto è così chiaro

Mentre ci avviciniamo alla fine del 2020, e a un anno dall'inizio dell'epidemia di COVID-19, i casi sono di nuovo in aumento, con un numero di decessi sui livelli dei mesi di marzo e aprile. Abbiamo imparato molto su SARS-CoV-2 e la nostra capacità di testare e gestire COVID-19 è sicuramente migliorata, ma resta il dibattito in corso su come viene trasmesso il nuovo coronavirus. La questione è stata affrontata in un editoriale su The Lancet Respiratory. I virus respiratori vengono trasmessi in tre modi principali. In primo luogo, la trasmissione per contatto, in cui qualcuno entra in contatto diretto con una persona infetta o tocca una superficie che è stata contaminata. In secondo luogo, attraverso la trasmissione di goccioline respiratorie grandi e piccole contenenti il virus, modalità che si verificherebbe quando si è vicini a una persona infetta. Terzo, attraverso la trasmissione per via aerea di goccioline e particelle più piccole che sono sospese nell'aria per distanze e tempi maggiori rispetto alla trasmissione delle particelle più grandi.

Clinical NetworkClinicalbit 26 Ott 2020

App Immuni: una grande incompiuta per ora

La potremmo definire la grande incompiuta, almeno per ora. La app Immuni per il tracciamento dei soggetti positivi al SARS-CoV-2, che doveva essere una delle misure più utili per la mitigazione della pandemia resta un’occasione sprecata perché, per usare una metafora, i buoi sono scappati dalla stalla. Il problema ormai è che le istituzioni sanitarie locali non sono più in grado di tracciare i contatti dei soggetti risultati positivi al nuovo coronavirus per la carenza di personale qualificato. Così anche se negli ultimi giorni si è assistito a un aumento del numero di download della app Immuni – a oggi oltre nove milioni e duecentomila scaricamenti- sia per la corale call to action da parte di politici, rappresentanti del Comitato tecnico scientifico e della classe medica, esponenti del mondo dello spettacolo e dello sport sia per la paura che ricomincia a manifestarsi verso la situazione epidemiologica, la reale utilità di questo software nella situazione attuale lascia più di una perplessità. 

Guardiamo i numeri. I download sono al 26 ottobre 9.280.000 (pari a circa il 15% della popolazione su base nazionale), il numero di notifiche veicolate supera di poco le 25.000 ma gli utenti che hanno condiviso la loro positività sono solo 1.200. E’ evidente che a fronte di tassi di positività al tampone di circa il 10% come si sta registrando in questi giorni, ci si aspetterebbe un numero di segnalazioni molto più elevato. I numeri non tornano: e i motivi sono più di uno. 

Clinical NetworkClinicalbit 26 Ott 2020

App di tracciamento dei contatti e altre tecnologie digitali in tempo di Covid-19

Un gruppo internazionale di ricercatori ha recentemente pubblicato su Lancet un’interessante analisi sulle misure messe in atto dai governi dei paesi per mantenere una bassa mortalità pro-capite.legata l'infezione da SARS-CoV-2. er la prima volta nella storia nei differenti paesi è utilizzata massivamente la tecnologia digitale per la pianificazione e tracciamento, la sorveglianza dei soggetti infettati, lo screening per l’infezione, il tracciamento dei contatti, la quarantena e l’auto-isolamento, la gestione digitale delle risorse sanitarie e dell’erogazione delle cure mediche. Per ogni strategia l’articolo riporta il campo di applicazione, il tipo di tecnologia digitale messa in campo, i paesi che l’hanno usata, i vantaggi e gli svantaggi.

Clinical Network 21 Apr 2020

La rivincita della scienza sulla classe politica

In Italia sale ai più alti livelli la fiducia nei medici, nei ricercatori e in generale nei professionisti della salute, mentre è in caduta libera quella nei politici.E'uno degli effetti della COVID-19. Lo rileva un’indagine Omnibus su oltre 63.000 cittadini di Germania, Spagna, Regno Unito e Italia condotta dall’istituto di ricerche tedesco YouGov Deutschland GmbH, per conto del Gruppo STADA. Solo 1 italiano su 7 (meno del 15%) dei 1.018 intervistati ritiene che i propri politici siano veramente in grado di condurli fuori dall’attuale emergenza sanitaria. È la percentuale più bassa tra i 4 Paesi europei coinvolti nell’indagine. La fiducia degli italiani nei confronti della politica è inferiore a quella rilevata in Spagna e meno della metà della fiducia riposta nei politici dai tedeschi (34%) e dai britannici (35%)...

Clinical Network 7 Apr 2020

Immunoterapia passiva dietro l’angolo nella lotta a SARS-CoV-2

Nella ricerca di strategie terapeutiche efficaci contro l’infezione da SARS-CoV-2 l’attenzione è focalizzata non solo su tutta una serie di farmaci antivirali e a target molecolare ma anche sull’utilizzo di immunoterapia passiva, cioè l’impiego del plasma dei pazienti convalescenti, opportunamente trattato per inattivare i patogeni e di immunoglobuline estratte dal plasma di persone guarite ed immuni al virus, prodotte a livello industriale

Clinical Network 18 Mar 2020

“Lettera aperta ai politici e ai cittadini”

In relazione all’epidemia di COVID-19, la Dott.ssa Mirka Cocconcelli, chirurgo ortopedico di Bologna, ci ha inviato una lettera in cui riassume il suo intervento del 9 marzo scorso tenuto all’inizio della seduta del Consiglio Comunale del capoluogo felsineo, che volentieri pubblichiamo.

Leggi tutto

DIGITAL HEALTH

Clinicalbit 25 Mar 2020

L’informazione biomedica a fianco dei pazienti ospedalizzati con Covid-19

Si chiama #NonLasciamoliSoli l’iniziativa di raccolta fondi lanciata dall’Unione Nazionale Medico Scientifica di Informazione (UNAMSI), associazione che riunisce i professionisti dell’informazione e della divulgazione biomedica, volta all’acquisto di tablet da mettere a disposizione dei pazienti ospedalizzati in isolamento in terapia intensiva o in degenza e di saturimetri da donare all’Ordine dei Medici di Milano.

Clinicalbit 26 Gen 2020

Premio eHealth4all: la 4° edizione premia la prevenzione digital italiana

Al nastro di partenza la quarta edizione del Premio eHealth4all per la migliore realizzazione informatica in ambito sanitario rivolta alla prevenzione in tutte le sue sfaccettature: primaria (di patologie non ancora manifestatesi), secondaria (screening per scoprire patologie da curare in tempo) e terziaria (di ricadute o peggioramenti, ad esempio nelle malattie croniche). Il concorso 2020-21 più che nelle precedenti occasioni abbraccia tutta Italia e riveste carattere nazionale...

Clinical Practice 29 Apr 2021

Fibromialgia, sindrome troppo poco conosciuta dagli italiani

Un'indagine condotta tra gennaio e febbraio 2021 su un campione di circa 1.000 persone rappresentativo della popolazione italiana dai 15 anni in su rileva che solo un italiano su tre conosce la fibromialgia, ma le informazioni in possesso risultano incomplete e frammentarie.Il sondaggio è stato effettuato dall'istituto Piepoli con il contributo non condizionante di Alfasigma. "La diagnosi è difficile perché manca un criterio biochimico: bisogna ascoltare il paziente, raccogliere la sua storia clinica in relazione ai sintomi e valutare clinicamente", ricorda il professor Piercarlo Sarzi Puttini, Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Reumatologia ASST Fatebenefratelli Sacco di Milano.

Clinical Practice 16 Apr 2021

Melanoma, pazienti tropo spesso soli al ritiro di un referto positivo

In Italia il percorso di cura dei pazienti colpiti da melanoma è veloce ma persistono luci e ombre. Quasi il 30% (29,5%) dei pazienti attende da 3 mesi a un anno prima di andare a fare la prima visita specialistica dermatologica. Tra quest’ultima e la conferma della diagnosi di melanoma trascorre meno di un mese per il 79% dei pazienti nel 57% dei casi bastano 15 giorni per l'asportazione del neo. Tuttavia ben il 47% dei pazienti ritira personalmente la diagnosi di melanoma direttamente dallo sportello referti, senza supporto adeguato a questa comunicazione. Due sondaggi europei fotografano la situazione...