Article 31 gennaio 2022

Razionale farmacologico per l'uso clinico del paracetamolo

Francesco Scaglione

Professore Ordinario di Farmacologia, Università degli Studi di Milano

Il paracetamolo è uno dei farmaci analgesici e antipiretici più conosciuti e utilizzati al mondo, disponibile senza prescrizione medica, sia in preparazioni mono che multicomponente.

In precedenza, si riteneva che il paracetamolo inducesse analgesia inibendo gli enzimi della cicloossigenasi. Recentemente è stato evidenziato che il principale meccanismo analgesico del paracetamolo è la sua metabolizzazione in N-acil fenolammina (AM404), che agisce sui recettori vanilloidi TRPV1 e dei cannabinoidi CB1 nel cervello e nei terminali delle fibre C nel corno dorsale spinale. Pertanto, il paracetamolo induce analgesia agendo non solo sul cervello ma anche sul midollo spinale.

Il paracetamolo è un farmaco ben tollerato e produce pochi effetti collaterali gastrointestinali. La deplezione di glutatione, suggerita da alcuni studi, e messa in relazione alla possibile tossicità epatica, non ha evidenze cliniche ai dosaggi raccomandati. Il rischio di effetti collaterali si può manifestare soprattutto se assunto regolarmente a dosi elevate (> 4 g/ die).

Commenti


Empty

Lascia un commento:

Altri articoli su argomenti simili

Non ci sono post correlati

Clinical Network è un sito del network XGATE

XGate è un sistema di registrazione centralizzato che permette di accedere con le stesse credenziali (Email e password) a tutti i siti e app realizzati da Axenso