Article 14 marzo 2022

Nuova classe di linfociti T contro le malattie autoimmuni

Il prezzo da pagare per avere un sistema immunitario vigile e reattivo contro patogeni e cellule tumorali è che questo può reagire contro l’organismo stesso, sviluppando risposte autoimmuni. Si stima che circa il 4% della popolazione mondiale sia affetta da una condizione autoimmune, e che tale frequenza sia in aumento.

Tra le cellule del sistema immunitario si distinguono i linfociti T CD8+, citotossici, i quali svolgono la loro azione eliminando le cellule indesiderate nell’organismo, con un alto livello di specificità. Se la maggior parte dei linfociti T CD8+ sono coinvolti nella risposta contro i patogeni o le cellule neoplastiche, una sottopopolazione coinvolta nella soppressione della risposta immunitaria era stata individuata, ma solo in modello animale.
Oggi la controparte umana è stata identificata: si tratta dei linfociti T KIR+ CD8+ (che esprimono recettori KIR: inhibitory killer-cell immunoglobulin-like receptor). Lo studio, pubblicato su Science, mostra come questo sottotipo di cellule sia più frequente non solo nel sangue periferico di pazienti affetti da malattie autoimmuni quali sclerosi multipla, lupus eritematoso sistemico e celiachia rispetto al controllo, ma anche e nei tessuti infiammati. Livelli elevati di questa sottopopolazione cellulare sono stati trovati infatti nelle articolazioni di pazienti con artrite reumatoide e nell’intestino di pazienti celiaci. Nella celiachia, i linfociti T helper (un altro tipo di linfociti, che riconoscono l’antigene) reagiscono alle componenti proteiche del glutine, causando la risposta autoimmune. Lo studio mostra come i linfociti T KIR+ CD8+ umani siano in grado di agire distruggendo queste cellule T helper in maniera specifica, e dunque controllando la risposta autoinfiammatoria.

Un’ulteriore scoperta interessante è la presenza di queste cellule nei tessuti periferici. Grazie al modello animale il gruppo di ricerca è riuscito a dimostrare come la presenza dei linfociti T KIR+ CD8+ migliori le complicanze autoimmuni dovute a risposte infettive. Il probabile ruolo di queste cellule è dunque mantenere un equilibrio nella risposta al patogeno, agendo sul controllo di cellule che appartengono al sistema immunitario (altri linfociti T). Un riscontro di tale considerazione viene anche dallo studio di pazienti affetti da Covid-19, nei quali la popolazione di linfociti T KIR+ CD8+ era aumentata in correlazione con i casi di vasculiti ed embolismi, ovvero complicazioni probabilmente dovute ad un’eccessiva risposta infiammatoria.

La scoperta di questa sottopopolazione cellulare nell’uomo è molto rilevante per la comunità scientifica. Da un lato indica la presenza di un nuovo elemento con un ruolo chiave nella tolleranza periferica e nella comprensione della relazione tra autoimmunità e malattie infettive; dall’altro, la sua individuazione apre la strada a nuovi possibili approcci terapeutici per sopprimere la risposta immunitaria nelle malattie autoimmuni.

Commenti


Terrenghi Luciano 03.15.2022

Aggiornamento GARADITO e interessante ! Grazie e proseguite con questo approccio .. in lingua ITALIANA ! 👍

Patrizia 03.15.2022

Fantastica la ricerca. Interessante

Flavio Rodolfo Dainesi 03.15.2022

Sembrerebbero degli antagonisti dei linfociti The 17. Sono per caso correlati con i livelli di Vitamina D3?

Redazione Clinical Network 03.16.2022

Grazie del commento, idea interessante. Nell'articolo originale non hanno approfondito la ricerca in quella direzione, dunque non sono disponibili informazioni su correlazioni con livelli vitaminici. Cordiali saluti La Redazione

Antonella Orunesu 03.16.2022

Ho potuto leggere solo la parte in italiano, molto interessante. Siamo in Italia mannaggia scrivete in italiano.... sarebbe cosa mooolto gradita

Redazione Clinical Network 03.16.2022

Gentile utente, il nostro lavoro è una sintesi della ricerca riportata come fonte. L'articolo originale è in lingua inglese, come in altri casi, e messo a disposizione dell'utente per un ulteriore approfondimento. Auspicando che continuerà a seguirci con interesse la salutiamo. La Redazione Clinical Network

Giuseppe Ferrauto 03.16.2022

Vi prego vi continuare a scrivere in italiano

Roberto pellati 03.17.2022

Potrebbero esserci anche risvolti sulla artrite psoriasi a ?

Lascia un commento:

Altri articoli su argomenti simili

Clinical Network è un sito del network XGATE

XGate è un sistema di registrazione centralizzato che permette di accedere con le stesse credenziali (Email e password) a tutti i siti e app realizzati da Axenso